martedì 24 marzo 2015

Fondo Piccola Media Impresa

Comunicato

Da aprile sono a disposizione 40 milioni per le aziende in difficoltà e per le nuove piccole imprese.
M5Stelle Codigoro informa tutti i piccoli imprenditori, artigiani ,commercianti in difficoltà e privi di garanzie che  vogliano attingere al fondo ,creato in collaborazione col MISE (Ministero per lo sviluppo economico) e grazie all’ autoriduzione degli emolumenti e rimborsi spese dei nostri Parlamentari  che hanno così contribuito con una cifra di ben 10milioni euro, che si sommano ai 30 milioni dello Stato.
Anche chi è senza una garanzia reale potrà accedere ad un finanziamento fino a 25mila euro, aumentabili in alcuni casi a 35mila e restituibili in 7/10 anni .
Le principali caratteristiche sono:

  • L’assenza di garanzie reali per l’utente finale
  • Il fondo sostituisce le garanzie reali e copre l’80% delle somme finanziate
  • La garanzia del fondo è rilasciata a titolo gratuito
  • L’iter procedurale è snello , di 6/7 giorni circa, sono attivi servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio per tutta la durata del finanziamento
Basterà recarsi ad uno dei consulenti del lavoro( vedi allegato) che si sono resi disponibili a fornire GRATUITAMENTE tutte le informazioni necessarie per la compilazione della domanda per attingere alle risorse sul sito del MISE
Potranno usufruire del fondo tutti i lavoratori autonomi titolari di partita iva da meno di 5 anni e con un massimo di 5 dipendenti.


CONSULTARE l'allegato e contattare i consulenti

www.consulentidellavoro.it/files/PDF/2015/Microcredito/Ferrara_MICROCREDITO.pdf

clic per ingrandre

domenica 22 marzo 2015

Sostituzione in Consiglio: esce Castagnoli entra Mingozzi

Ho protocollato le mie dimissioni ieri mattina, dopo averle annunciate in Consiglio Comunale nella seduta di venerdì sera. Ho preferito comunicare questa scelta nel luogo della discussione e del dibattito democratico, senza nascondersi dietro ad una nota scritta o ad un'e-mail inviata alla stampa. Come ho detto pubblicamente i motivi che mi portano a "chiedere il cambio" (per usare una metafora, che molto si avvicina all'idea di MoVimento che dal 2010 portiamo avanti a Codigoro) sono prettamente di natura universitaria. Nessuna polemica con nessuno, anzi, a differenza di molti (a tutti i livelli: consiglieri comunali, regionali, sindaci, assessori, deputati o senatori) che escono dal MoVimento ma non mollano la poltrona, io lascio tranquillamente il mio posto ad un amico e resto fieramente all'interno del M5S, continuando ad essere un cittadino attivo al 100%.
Nella vita ho sempre cercato di onorare gli impegni al massimo e in questo caso ho fatto le mie valutazioni e ho capito che era giunto il momento di cambiare. Il ruolo di consigliere comunale va svolto come si deve, non per alzare semplicemente la mano, ma per compiere un'azione di verifica, controllo e di proposta. O una cosa la si fa bene oppure non la si fa, almeno questo è sempre stato uno dei miei mantra, assieme alla coerenza.
Faccio quindi un grande in bocca al lupo a Matteo, che sicuramente farà un figurone e che potrà contare sull'appoggio e sull'aiuto incondizionato di tutto il MoVimento.
Voglio concludere questa riflessione, a mio avviso doverosa, ringraziando tutte le persone che dal 2010 mi hanno fatto crescere e migliorare. Sono entrato in Consiglio a 22 anni e dopo 4 anni di mandato ho sicuramente imparato moltissime cose, che all'inizio non potevo nemmeno immaginare. Senza l'aiuto del MoVimento nessuno e dico nessuno, avrebbe mai avuto la forza e l'entusiasmo per mettersi in gioco in prima persona e passare da semplice spettatore criticone e dormiente a cittadino attivo nelle Istituzioni. Senza il MoVimento non esisterebbero i critici e i fuoriusciti dal MoVimento. Il posto in Consiglio è scaturito infatti da un concorso di meriti fra M5S e gruppo locale, con quel 15% storico, che non può essere imputato a nessuno dei due fattori presi singolarmente, ma come negli aspetti più belli e importanti della vita, solo dall'unione e dalla partecipazione di più elementi, può nascere qualcosa di nuovo e di incredibile. Essere così arroganti e egocentrici da credere di aver fatto tutto da soli, senza l'aiuto del MoVimento è un qualcosa di assolutamente falso ed ipocrita ed è per questo che ringrazio ancora una volta e in primis il M5S nella sua interezza sia reale sia soprattutto ideale, perché il MoVimento è innanzitutto un cambio di mentalità, che molto spesso viene dimenticato da chi assume un ruolo istituzionale e crede di essere diventato un fenomeno, quando fino a poco tempo prima neanche sapeva cos'era un comunicato stampa, una determina dirigenziale o la differenza fra delibera di Giunta e di Consiglio.
Detto ciò mi prenderò il tempo per raccontarvi e riportavi tutti i risultati che abbiamo ottenuto in questi anni di mandato: siano essi grandi o piccoli e ovviamente vi aggiorneremo sui prossimi sviluppi dell'ultimo periodo fino a maggio 2016.
Nei prossimi giorni farò gli ultimi bonifici bancari per devolvere anche gli ultimi gettoni presenza incassati con un rendiconto puntuale di tutto quello che è stato fatto visibile qui: https://www.facebook.com/notes/andrea-castagnoli/attività-in-consiglio-comunale-e-non-solo/217685261702007?pnref=lhc.
Pian piano ringrazierò di persona tutti coloro che in maniera diversa hanno contributo a cambiare il mio modo di vedere il mondo, penso a Tommaso Mantovani che nell'aprile 2010 mi invitò per la prima volta a seguire una riunione M5S, oppure ad Andrea Defranceschi che ci ha sempre dato una grande mano da Bologna in diverse occasioni e su diversi temi fondamentali, portando i problemi di Codigoro ad una rilevanza regionale. Ringrazio poi tutti quelli che hanno saputo muovermi delle critiche serie e non dogmatiche, perché solo tramite quelle ho potuto (spero) cambiare tiro e migliorare.
Nel corso di questi anni ho visto tanti gruppi di altri Comuni crescere e svilupparsi. Non credo di aver mai declinato una richiesta di confronto e spero di aver fatto del mio meglio per contribuire in qualche modo a evitare di perdere tempo in cose, che magari noi a Codigoro avevamo ritenuto importanti, essendo stati i primi, quando invece non lo erano. Solo con il passaparola, il confronto diretto e la condivisione delle esperienze locali si potrà migliorare questo fantastico sogno passo dopo passo. Io ci credo e sarò sempre qui a fare il mio pezzo, se anche altri lo faranno allora qualcosa potrà cambiare, ma se ognuno resta trincerato e nascosto per paura o pigrizia, allora il mondo resterà questo e peggiorerà lentamente, come la rana bollita di Chomsky.

Auguro quindi di nuovo un buon lavoro a Matteo e ringrazio (in ordine sparso e incompleto), oltre al gruppo di Codigoro: Tommaso, Andrea, Gabriella, Nicola, Luca, Giorgio, Mirko, Elena, Marco, Cinzia, Raffaella, Giulia, Beppe, Marco, Michela, Andrea, Alessandro e tutti gli altri che sono e restano nel mio cuore.

Stay tuned!

sabato 21 marzo 2015

Bilancio di previsione 2015

Ieri sera abbiamo discusso il bilancio di previsione 2015. Non avendo ancora a disposizione quello consuntivo 2014 che ci dirà quanto effettivamente incassato, ci siamo concentrati in particolar modo sulla questione imposte, visto che è dal primo bilancio del 2012 la monitoriamo.
Vediamo intanto le aliquote Imu, visto che la Tasi è rimasta al massimo ossia al 3,3 per mille, quando l'aliquota base è del 2,5.
clic per ingrandire
Inoltre, quest'anno c'è una novità:


Infatti il Consiglio è iniziato proprio con una comunicazione del Sindaco in merito alla questione Eurolind, come avevamo chiesto in conferenza dei capigruppo. Non appena sarà disponibile il verbale della seduta pubblicheremo la nota integrale. 
Il Consigliere Gabbari ha inoltre fatto una interrogazione relativa a possibili sgravi fiscali per nuove imprese che si insediano sul territorio e il Sindaco ci ha risposto che stanno lavorando ad un protocollo d'intesa con le associazioni di categoria. L'aliquota che vedete di 0,76 della seconda immagine è infatti quella che si applicherà ai nuovi insediamenti.

Proprio partendo da questo abbiamo analizzato la parte delle imposte del bilancio 2015 e cosa emerge dai numeri?
Guardate questo estratto della relazione del revisore dei conti:

pag. 13 documento del Revisore

In generale le entrate correnti negli ultimi 3 anni sono passate da 10 milioni 223mila € (circa) del 2013 (somma colonna 1) a 11 milioni 49mila € (circa) del 2014 a 11 milioni 426mila € (circa) del 2015 (somma colonna 3). Quindi un incremento di circa 1 milione e 200mila € di entrate in più.

pag. 12 documento del Revisore

Questo per dire cosa? Che ok l'impegno per cercare sgravi, però di fatto i cittadini codigoresi hanno visto aumentare la pressione fiscale in maniera importante, quindi un conto sono gli intenti un altro sono i numeri.
Se stiamo a quanto previsto quest'anno infatti con l'aumento delle aliquote visto sopra si prevede un'entrata maggiore di Imu, Ici e Tasi di 1 milione di euro circa, come potete vedere dalla pagina 1 del bilancio:
clic per ingrandire
Avendo delle entrate così, gli investimenti fatti sono stati diversi. Ma come hanno giustamente chiesto il consigliere Boldrini e Gabbari fa specie il progetto previsto per il Palazzetto dello Sport e area limitrofa inserito nel piano triennale dei lavori pubblici:

clic per ingrandire
Come diciamo da sempre il piano dei lavori triennali è molto ipotetico e molte volte è stato disatteso. Però un investimento di 2,3 milioni di euro per il palazzetto comporterebbe un dispendio notevole di risorse, che auspichiamo venga ponderato al meglio e che ovviamente monitoreremo. 
Dalla maggioranza ci hanno ricordato che nel programma elettorale del centro-sinistra c'era anche questo punto. Non vogliamo assolutamente dire di no, però allora c'erano pure questi (pag.17-18 del programma):




Per tutte queste criticità abbiamo votato in maniera contrario al bilancio, alle aliquote Imu e Tasi, al piano dei lavori pubblici. Mentre ci siamo astenuti sugli altri punti.
Il bilancio da sempre è una cosa complessa e sarebbe bene che ogni cittadino trovasse il tempo e la voglia di guardarci, magari chiedendo informazione laddove la configurazione delle cifre è più ostica, ma senza conoscenza non si va da nessuna parte e le risorse a disposizione ci sarebbero, ma vengono gestite in un certo modo, spesso lasciando i cittadini fuori da ogni confronto decisionale ed informativo.

Passate parola!

venerdì 13 marzo 2015

OdG del prossimo Consiglio del 20 marzo ore 18


sabato 7 marzo 2015

Commento sulla crisi e in particolare su Eurolind

Pubblichiamo di seguito l'articolo apparso oggi a pag. 32 della Nuova Ferrara.
Come si può leggere in premessa, abbiamo ricordato che un Comune non può incidere molto su queste dinamiche, che dipendono dall'economia europea e mondiale. La crisi però morde sempre di più e le soluzioni ordinarie devono essere implementate con strategie straordinarie e di emergenza. Certo la scelta dei parlamentari e consiglieri regionali M5S di dare vita ad un fondo per il microcredito alle PMI non è una soluzione totale, ma è pur sempre un segnale importante, soprattutto se fosse imitato da tutti gli altri politici o consiglieri regionali. 

Passiamo però al caso di Codigoro e dell'Eurolind. Su queste tematiche così delicate, che coinvolgono la vita di tanti nostri compaesani bisogna andarci cauti. Infatti, non abbiamo mai presentato documenti o interrogazioni, proprio per evitare di istituire una scissione fra noi e l'Amministrazione Comunale, che deve ovviamente agire da primo protagonista in queste vicende. Il nostro atteggiamento è da sempre in prima istanza informativo, perché intanto dobbiamo capire come la Giunta si stia muovendo e quindi, come nel caso della Falco, chiederemo alla conferenza dei capigruppo che il Sindaco comunichi al Consiglio lo stato dei fatti.

Inoltre, il 20 marzo si discuterà il bilancio di previsione 2015 e da una prima lettura balza subito all'occhio un avanzo di amministrazione ipotizzato di 800.000€
Facciamo un passo indietro e torniamo al primo bilancio che come M5S abbiamo discusso integralmente, ossia il 2012. La situazione era la seguente:


Si prevedeva di chiudere con quasi 114.000€ di avanzo e si invocava la necessità di alzare le aliquote IMU (come sapete noi ci siamo sempre opposti: Comunicato stampa sul bilancio 2012, ovvero la nostra analisi in sostanza). Poi quando si è concluso l'anno e abbiamo discusso il bilancio consuntivo, ossia quanto effettivamente incassato e speso, ecco il risultato:

Come vedete dall'ultima riga l'avanzo effettivo del 2012 è stato di quasi 400.000€.

Arriviamo poi al 2013 (anno di riferimento con entrambi i bilanci approvati poiché nel 2014 abbiamo solo il preventivo e non il consuntivo ancora), dove l'avanzo era di oltre 600.000€: Bilancio consuntivo 2013: la nostra lettura. Per terminare infine con il 2014 con un avanzo previsto di 300.000€ (Bilancio di previsione 2014: siamo alle solite, anche per la TASI aliquota al massimo) e di cui ancora non sappiamo quanto sia stato effettivamente realizzato, poiché il consuntivo 2014 non è stato ancora approvato, ma se tanto ci dà tanto, basta fare le debite proporzioni. 
Clic per ingrandire il prospetto del bilancio preventivo 2014
Per quest'anno invece l'avanzo previsto è di 800.000€, figli ovviamente anche delle aliquote Imu e Tasi che sono di competenza comunale, basta guardare lo specchietto dello scorso anno:


Arriviamo quindi al cuore del discorso. Dal momento che le aliquote sono modificabili dal Comune, perché non pensare a incentivi maggiori per le PMI, per gli artigiani o per i commercianti, utilizzando parte di quell'avanzo? Al momento non abbiamo ancora i dati delle singole aliquote (siamo in attesa di tutta la documentazione), ma come sempre sappiamo che se l'Amministrazione volesse intervenire in questo senso ci sarebbero tutte le risorse per farlo, anche a costo di rinunciare a qualche investimento previsto, proprio per via della crisi e della tragica situazione che si prospetta. 
Ecco che magari questo potrebbe essere un piccolo aiuto per tamponare la straordinaria difficoltà che sta attraversando tutto il paese e che ripetiamo non è di certo risolvibile solo con interventi del Comune, ma serve una svolta nazionale precisa contro l'eccesso di burocrazia e del costo del lavoro.

Questa è la nostra opinione da semplici consiglieri di minoranza. Non appena avremo i dati completi del bilancio di previsione 2015 li pubblicheremo con la relativa riflessione accanto, come sempre.

Stay tuned!

Clic per ingrandire

giovedì 26 febbraio 2015

L'ex Direttore Generale Rinaldi indagato - Le ultime su Cona

Pubblichiamo di seguito gli articoli di oggi e di ieri sull'argomento.
Come sempre traete le vostre conclusioni e confrontatele con gli interventi dei giorni precedenti...

Articoli di oggi: (clic per ingrandire)

Fonte: http://www.estense.com/?p=442391

Fonte: http://www.estense.com/?p=442283
Il Resto del Carlino del 26/02/15 pag. 3

Articoli di ieri:

Il Resto del Carlino del 25/02/15 pag. 3

Fonte: estense. com http://www.estense.com/?p=442246

E cliccate qui se volete rileggere le dichiarazioni di Rinaldi dopo l'ispezione di domenica: Le repliche sui cunicoli di Cona - Fatevi la vostra idea.

Passate parola e meditate...